Benvenuti sul sito di Casa di riposo Villa Santa Maria

Casa di riposo Napoli ci prendiamo cura dei tuoi cari

Dialisi anziani: come funziona

La dialisi anziani è un trattamento sanitario che purtroppo molte persone avanti con gli anni hanno la necessità di effettuare a causa di un'insufficienza renale. Esistono specifici macchinari per dialisi a casa o in cliniche specializzate come la casa di riposo Villa Santa Maria dove ci prendiamo cura degli anziani e delle fragilità che inevitabilmente coloiscono uomini e donne ad una certa età. Ma come funziona specificamente la dialisi anziani? Sostanzialmente il trattamento permette di replicare le funzioni primarie dell'organo in caso di blocco renale negli anziani, ossia emodialisi e dialisi peritoneale, che consentono di eliminare acqua in eccesso, tossine e vari prodotti di scarto dall'organismo.

La dialisi anziani in dettaglio

La parola dialisi deriva dall'ausilio di un filtro artificiale contenente fibre capillari, che è denominato appunto dializzatore. Per effettuare la pulizia reni uno speciale liquido scorre attraverso il filtro e bagna le fibre capillari dall'esterno, mentre il sangue scorre nella parte cava interna, e questo sistema consente di rimuovere le tossine. I procedimenti effettuabili nella dialisi anziani qui descritti sono quelli dell'emodialisi, mentre nella dialisi peritoneale è il peritoneo, ossia la membrana che riveste le pareti dell'addome, a fungere da dializzatore semipermeabile naturale. 

Dialisi anziani per rimuovere l'acqua in eccesso

Tutti i pazienti che necessitano di un trattamento di dialisi soffrono di patologie per cui non riescono a smaltire i liquidi in eccesso, giacché hanno problemi con il passaggio dell'urina. I due diversi trattamenti di dialisi anziani a cui abbiamo accennato nel capitolo precedente operano in maniera divergente nell'eliminazione dei liquidi in eccesso: con l'emodialisi, se la pressione al di fuori della fibra cava è inferiore a quella interna, l'acqua corporea viene rimossa dal sangue nel momento in cui scorre attraverso la fibra cava. Un processo che viene chiamato ultrafiltrazione e permette appunto di rimuovere l'acqua corporea in eccesso. In questa modalità di dialisi anziani si può utilizzare anche la convezione, un processo differente in cui l'acqua viene sospinta mediante la pressione idrostatica della membrana, e con l'acqua questa pressione trascina via le tossine e le molecole di scarto con l'ausilio della membrana semipermeabile.

Invece per rimuovere l'acqua corporea in eccesso durante la dialisi peritoneale, viene aggiunto del glucosio al liquido di dialisi: poiché le molecole di glucosio non possono facilmente passare attraverso la membrana del peritoneo, l'acqua corporea passa attraverso il peritoneo nel liquido di dialisi, allo scopo di bilanciare la differenza nella concentrazione del fluido. Questo processo è noto come osmosi, e prevede la continua introduzione di fluido fresco attraverso la dialisi, e in questo modo l'acqua in eccesso che i reni non riescono a rimuovere, e che rischia di accumularsi nel corpo, viene smaltita dal sangue.

Dialisi conseguenze

Quando è necessario ricorrere alla dialisi anziani? Non è possibile fare a meno di questo trattamento quando la funzionalità renale del paziente è compromessa per più dell'85 per cento. Basta fare un semplice esame del sangue per comprendere qual è lo stato dell'insufficienza renale in corso, per cui è necessario un aiuto per filtrare le tossine e i materiali di scarto dal sangue. Le conseguenze dell'insufficienza pososno essere molteplici: vi sono casi in cui forme anche acute della patologia poi regrediscono dopo il trattamento, in altri casi l'insufficienza renale è associata a patologie croniche come il diabete. La dialisi anziani può consentire di vivere mediamente per 5-10 anni, ma vi sono stati casi registrati di pazienti che hanno convissuto con il trattamento per 20 o 30 anni, nemmeno così infrequenti. Rcordiamo che il processo di dialisi anziani è completamente indolore, se non un legegro fastidio nel momento in cui vengono inseriti gli aghi: possono esserci invece effetti collaterali come nausea e vomito, oltre a stanchezza diffusa e crampi muscolari, tutte derivanti dall'abbassamento della pressione che può comunemente insorgere. 

I nostri recapiti

Via Paolo E. Imbriani, 1 - 80010 Quarto - Napoli
(+39) 081-192.47.895
(+39) 081-196.51.477
(+39) 334-887.41.11
info@casadiripososantamaria.it
Lun - Dom: 10.30 - 12:00 / 14.00 - 17:00

P.IVA : 08140101216

Menu